Siamo tutti greci.


 

Athens burning (da Internet)

di Alessio Papi

Per usare un luogo comune si potrebbe dire che “Se Atene piange Sparta non ride”.

La Grecia (storicamente nostra cugina)  mentre il popolo si ribellava nelle strade, ha approvato (o meglio è stata costretta ad approvare) delle misure economiche insostenibili.

Costretta perché il debito greco è in mano ai grassi speculatori tedeschi  preoccupati più per le loro tasche che  per l’ economia del paese ellenico.

La stessa  visita del ”nostro”  Monti  negli Usa con il gotha della finanza  è la brutta esemplificazione dell’aria che tira.

Spread, rating, rendimenti, opzioni , bond, goldman-sachs, wall street hanno prepotentemente preso il posto di termini “nobili” come Nazione, Popolo,  lavoro, sicurezza sociale, progresso e visione globale.

Il Sig. Monti va a “farsi benedire”  oltreoceano da coloro che in questa situazione l’hanno creata e continuano ad arricchirsi alle spalle dei popoli.

In parole povere è come se andassi a chiedere scusa, con la promessa di non denunciarlo, a chi mi ha dato fuoco alla macchina ….. o sono cretino o sono pagato per farlo  !

I giornalisti di ogni schiatta hanno celebrato (notare l’ assonanza con celebrolesi), l’ evento neanche fosse la venuta del messia, decantandone le lodi e le qualità, in un attimo spazzando via centinaia di anni di illuminismo, rivoluzione francese,  due guerre mondiali, il ’68 e le lotte di classe.

Si perché cari intellettualoidi deviati dal dollaro avete preso quattrocento anni di storia e vi ci siete letteralmente puliti.

Un bravo tecnico (ammesso che lo sia), può far quadrare i conti, ma i governi hanno a che fare con individui e popoli, gente in carne ed ossa che vuole sapere se arriva a fine mese o se i propri figli avranno un futuro , gente a cui dello spread e del bund non  “può fregare di meno”.

Trovo ignobile che i fossili (età media 75 anni) di questo governo (non votato) abbiano anche il coraggio di fare la predica ai giovani di oggi.

La nostra generazione sta pagando l’ingordigia di questi signori dalle tasche piene di dollari e dei  i loro figli, tutti sistemati in posizioni di prestigio (molti para-pubblici) ….  ma sai  loro ….  hanno  certi curriculum .…

Dai greci dovremmo imparare,  loro hanno il coraggio (nel bene e nel male) di farsi sentire,  e non è improbabile che altri facciano altrettanto.

Thomas Jefferson   ispirandosi alla polis greca sosteneva che Non sono i popoli a dover aver paura dei propri governi, ma i governi che devono aver paura dei propri popoli” .

Dovremmo ricordarcelo  più spesso …  siamo tutti greci !

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...