Meglio GANGNAM STYLE che onanista.


Piazza Del Popolo 1972-2012
Piazza Del Popolo 1972-2012

di Alessio Papi

 

Trentamila “idioti” ballano il GANGNAM STYLE a Piazza del Popolo segnando il record del flash mob.

Su internet  è una profusione di commenti dall’apparente valenza sociologica, alcuni tentano dei paragoni elettorali, si domandano con presunto fare aristocratico se siano potenziali elettori berlusconiani.

Ebbene così facendo negano uno dei principali principi della sociologia, quello dell’osservazione partecipante, un occhio acritico che cerca solo di studiare il fenomeno.

Tendenzialmente coloro che schifano i fenomeni di massa sono dei potenziali onanisti (segaioli per i meno forbiti), personaggi troppo  narcisi e troppo convinti della giustezza delle loro idee per rendersi conto cosa li circondi.

Che cosa c’è di male se un gruppo più o meno ampio di persone si sentono accomunati da una qualsiasi idea anche apparentemente idiota, decidono di vedersi contemporaneamente nello stesso posto ?

E qui finiscono le considerazioni sociologiche.

Passiamo a quelle politiche ….

I “nostri dipendenti” ovvero politici di varia foggia e schieramento hanno accusato i partecipanti di frivolezza (per essere gentili), banalità e disinteressamento per la vita pubblica, riferendosi probabilmente al fatto che ormai riescono a riempire a malapena i teatri, figuriamoci le piazze.

Basta guardare la foto nella pagina e fare il raffronto.

La prima foto è del 1972 e l’allora segretario del Msi Giorgio Almirante con un partito del 4,5 % riuscì a riempire la piazza ne più ne meno come nel 2012 ha fatto un paffuto e brutto Dj Koreano.

Soltanto che nel 1972 la gente era lì per un motivo, e quel motivo era l’uomo sul palco (ma lo stesso valeva per Berlinguer).

Se si segue un Dj e non un leader politico la colpa non può essere certo del “popolo”.

Le responsabilità vanno semmai cercate altrove, nei partiti divenuti ormai la caricatura di se stessi, in una classe dirigente inetta e ingorda che ha prodotto l’allontanamento dei cittadini dalla politica e dalle istituzioni.

Sarebbe troppo comodo pensare “la gente non mi segue quindi non mi capisce”, l’agire politico si fonda sul consenso anzi, i politologi ed i politicanti dovrebbero ringraziare coloro che nella situazione attuale anziché prendere il forcone, si messi a ballare il gangnam style.

Costoro dovrebbero smettere di fare (a loro comodo) gli onanisti, ricominciare a parlare al cuore e alla testa degli individui, argomentando idee e progetti.

 La smettano di insultarsi in questo patetico teatrino.  Sempre che ne siano capaci.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...