Pontida 2016 il futuro è nel passato! (For Dummies)


20160918_120427

di Alessio Papi

Un Matteo Salvini in splendida forma quello del raduno del trentennale.

Si presenta sul palco con la felpa di Amatrice,parla deciso asciutto, infiamma la folla senza essere aggressivo.

Mette in chiaro le cose, non parlerà mai con Parisi che reputa “una specie di mummia”, ma solo con Berlusconi il quale, se vorrà fare l’alleato, dovrà sottoscrivere

una serie di impegni precisi e inderogabili.

Secondo il Matteo Nazionale l’Italia è la Patria (e non la Nazione) delle tante differenze da Nord a Sud, delle tante identità, quelle identità che l’Europa e le lobby mondialiste vorrebbero annullare.

Il Nord ed il Sud devono essere uniti perché i problemi sono simili e solo un Italia federale (sul modello teorizzato dal prof. Miglio “da qualcuno” archiviato troppo presto) spolverata di un forte Presidenzialismo (elezione diretta del premier) può far rinascere il Paese.

Ne ha per tutti, si toglie qualche sassolino dalla scarpe, “non rottama” perché i movimenti politici si evolvono, non rinnegano il passato, fa gli auguri a Umberto Bossi , lo “abbraccia forte” perché lui è un buono anche se “gli ha detto 6 volte sui giornali che non capisce niente”, il messaggio è chiaro e rincara la dose “coloro che pensano alla cadrega e sognano un partitino circoscritto al Nord alleato di Berlusconi (e magari da lui finanziato ndr.) sono pregati di accomodarsi fuori, così come chi crea strumentalmente polemiche  sui social e vuole dividere militanti del Nord e militanti del Sud, io partecipo per vincere!”, un avvertimento ai bossiani nostalgici della secessione e del Polo delle Libertà “mai più schiavi di Forza Italia”.

Parla di giudici e delle prefetture che andrebbero abolite “strumento di oppressione da parte del governo centrale”, dichiara apertamente di non riconoscersi nella chiesa di  Papa Bergoglio, elogia Ratzinger “fine teologo tradizionalista ed identitario”, lancia il motto “onestà,competenza, libertà” (strizzando l’occhio ai grillini).

Un fiume in piena che sembra amare (riamato) la sua gente, tanto dai “padani” quanto dai “terroni” con i quali si intrattiene volentieri tra caciocavalli e vino doc.

Un futuro che sembra un ritorno al passato, da “Lega Nord Padania” a “Lega Italia Federale”.

Salvini a Pontida è cresciuto,ha studiato, si è lanciato come leader nazionale di uno schieramento populista ed identitario trasversale, non ha rinnegato il passato anzi, ha incolpato (intelligentemente) i suoi avversari di averlo fatto.

Piaccia o non piaccia dietro modi spicci ed una comunicazione apparentemente troppo semplice si nasconde un cavallo di razza che guarda avanti …. dovrà solo riuscire a mantenere il ritmo.

Annunci

La politica delle contraddizioni


lavaitaliadi Alessio Papi

Fermate la centrifuga sembra di essere in una lavatrice.

Casaleggio, massoni, le basi naziste sulla luna, gli illuminati il nuovo ordine mondiale.

In un momento in cui si dovrebbe discutere di “alta cucina” politica si inseguono le “teorie del gomblotto” (la scrittura è voluta) nel vano tentativo di distrarre cittadini ed elettori dalle proprie responsabilità.

Le ultime vicende dimostrano che ormai il problema non è ideologico ma intellettuale.

Le cose sono due ho abbiamo una classe politica che difetta in neuroni, o la batosta elettorale ha bruciato l’ultimo quantitativo di materia grigia in circolazione.

L’esagerato attacco a Battiato per una battuta di cattivo gusto ne è l’esempio più lampante.

Personalmente non ci ho trovato nulla di particolarmente grave.

Il cantante siciliano (una volta idolo della destra)  è persona troppo colta per utilizzare l’aggettivo “troie” nei confronti delle donne, bastava riascoltare l’intervento per rendersi conto che l’apostrofatura era riferita alla classe politica in generale , ad un parlamento vizioso e non virtuoso.

Il prestigio di un istituzione non si basa sull’istituzione stessa ma su i suoi componenti.

D’altronde se si esclude qualche “new entry” il parlamento di oggi (tanto a destra che a sinistra) è lo stesso che ha votato la fiducia a Monti (complice il Presidente della Repubblica) con la scusa “dell’interesse nazionale” (o della poltrona), ed oggi lo addita come  “lo scemo del villaggio globale”.

In questo quadretto tragicomico mancavano solo gli internauti onanisti… ma abbiamo rimediato facendoli diventare parlamentari.

Non mi occupo della politica altrui, ma quello che vedo in casa non mi sta piacendo, se non si cambia si è destinati a scomparire dal panorama istituzionale .

Un torcicollo non meglio precisato obbliga (non ne capisco il motivo) a guardare a destra ignorando le grandi praterie del centro.

Una certa destra porta in se un patrimonio politico e valoriale che rischia di perdere, coadiuvato da una situazione giudiziaria di questi tempi difficilmente riscontrabile altrove, e non mi sembra poco.

Spero di sbagliarmi ma vedo  una brutta tendenza alla chiusura , al mantenimento e alla difesa di posizioni obsolete se non capziose.

Necessitiamo di forze fresche e nuove energie, nuove argomentazioni, un movimento o un partito aperto che sappia dialogare con un elettorato potenziale il più ampio possibile.

Il pedigree non ci manca, ma viviamo troppe contraddizioni.

Ma forse è la politica tutta ad essere contraddittoria e confusa in questo periodo.

Pigiamo il pulsante del lavaggio delicato.

Cinque Stelle ? L’antipolitica fatta da politicanti.


Stesse Radici

di Alessio Papi.

 

Potrebbe sembrare un paradosso, ed apparentemente lo è .

Pensare che chi cavalca l’onda dell’antipolitica sia un prodotto esso stesso di questi politicanti mette i brividi.

Che Beppe Grillo sia il l’insultatore urlante di un movimento nel quale non esiste democrazia, questo lo sanno anche i muri, ma cosa è il movimento cinque stelle, ma soprattutto chi c’è nel movimento cinque stelle questo è ignoto ai più.

Perché affermare che è un   “prodotto dei politicanti” ?

Chi c’era alle manifestazioni del movimento del Grillo nazionale già lo avevo scritto in pezzo di qualche tempo fa , ma chi sono i candidati?.

Nelle amministrazioni locali il movimento ha candidato persone della più vasta estrazione politica, persone comuni “spinte dal basso” (così vogliono sentirsi dire) , ma che in qualche modo avevano già avuto esperienze fallimentari (non per forza elettive) nei partiti tradizionali , che per incapacità o improponibilità li avevano messi all’angolo.

Ecco il “grande bluff” del Movimento 5 Stelle.

Candidare dei frustrati che sperano di beccare il “treno giusto” facendoli eleggere dall’elettorato “non convenzionale” (ovvero quello che ha abbandonato i movimenti classici), fatto di incazzati, disillusi, anarco – scontenti, qualunquisti, e perenni infelici.

Certo, i partiti tradizionali ci mettono del “loro” per far votare i grillini, ma certamente la cura non è migliore del male.

Lo dimostra il fatto che in nessuna amministrazione “grillina” si è riuscita a creare la minima forma di governo.

I “nostri” grandi leader di partito Bersani per primo, si interroghino su questo, magari andando a spulciare le liste dei candidati proprio nella “sua” Emilia.

Potrebbe rimanerne molto sorpreso…