Fermiamo i barconi ! (con ogni mezzo)


barconedi Alessio Papi.

Sinceramente non ne posso più della retorica dell’accoglienza, di quella melassa vischiosa del buonismo ad oltranza non propriamente disinteressato, che produce danni enormi sul tessuto sociale.

Gli italiani sono un popolo strano, non più tardi di 3 mesi fa ci si indignava per quel “Io con gli immigrati ce faccio più soldi che con la droga” (cit. Buzzi) ed oggi tutti (o quasi) Boldriniani e Alfaniani, compresi i grandi giornali (soprattutto il Corriere) sono i paladini degli immigrati (irregolari).

Quali sono le motivazioni ? e perché vanno fermati (con tuti i mezzi) i barconi ?

E’ indubbio che qualche radical-chic come la Boldrini sia in buona fede, più per il mito del “multiculturalismo” e del “buon selvaggio” che per questioni pratiche, ma ben diverse sono le motivazioni delle grandi lobby filo-europee (come il Corriere , Lerner e soci).

Senza scomodare in trattato di Dublino redatto col beneplacito di Spagna e Grecia noti affondatori di barconi, è chiaro come l’Italia serva all’Europa da “filtro” per decidere chi far entrare e chi no nei i paesi economicamente più forti.

Una sorta di agenzia di selezione ( a spese dei cittadini italiani), dove rimangono a gozzovigliare gli immigrati “inutili” quelli “senza arte ne parte” dirottando poi quelli più qualificati verso i paesi del Nord Europa con il fine di aumentare l’offerta  e  abbassare il costo del lavoro in contesti (come la Germania) dove ormai il costo della manodopera  anche nei lavori meno qualificati, ha raggiunto costi non  funzionali alla tenuta del sistema economico.

La Spagna  respinge con la forza i barconi ed ha costruito un muro di 6 metri a Ceuta e Mellilla idem la Grecia la quale sta blindando i confini con la Turchia, ma questo  da noi dove l’accoglienza è un business, non “moralmente”  accettabile.

Un clandestino fa girare i soldi, per l’assistenza e l’alloggio, è una manna per le varie associazioni che si occupano di “integrazione e supporto” genera posti di lavoro.

Il Cara  di Mineo è sommerso di inchieste giudiziarie e in Sicilia L’Ncd del ministro dell’Interno prende il 35% dei voti, a pensar male si fa peccato ma ci si azzecca sempre.

Sotto questo mercato formalmente legale però ve ne uno molto più pericoloso gestito dalle mafie.

Una inchiesta della polizia Maltese(riportata dal  Times of Malta) ha smascherato una catena di trafficanti di schiavi gestita da un esule libico (fuggito anni fa dal regime di Gheddafi)  residente sull’isola e alcuni esponenti sospettati di essere affiliati a mafia e ‘ndrangheta.

Il meccanismo è molto semplice. Ras locali girano nei villaggi  sub-sahariani per reclutare potenziali profughi e spedirli con i barconi in Italia con la complicità dei notabili libici (probabilmente fiancheggiatori Isis) un investimento proficuo con lo scopo di gestire l’emergenza sul suolo italiano (creandola)  e fornire manovalanza  a basso prezzo alla criminalità organizzata soprattutto nell’ambito della prostituzione, del commercio illegale,del piccolo spaccio e del caporalato.

Un modesto investimento iniziale (quello del prezzo del viaggio) che si ripaga rapidamente e che produce lauti e diversificati profitti.

Va da se che il problema è tutto italiano, e che un mercato così “diversificato” fa gola a molti (compreso qualche rappresentante in parlamento).

La “solidarietà pelosa” (per colpa)e la criminalità organizzata (per dolo) con la complicità di una Europa inetta, hanno creato un sistema pericoloso ai danni dei cittadini (anche dal punto di vista sanitario) aggravando una situazione economico e sociale di un paese già messo male, e di fatto creando Lo schiavismo del III millennio.

L’intervento internazionale è un palliativo, serve solo per allungare volutamente i tempi d’intervento,

considerando che non si può parlare di dialogo col governo libico visto che di fatto non ne esiste uno.

Bisogna quanto  prima intervenire sul suolo libico con interventi di polizia militare sradicando alla fonte il problema e parallelamente “dissuadere” con ogni mezzo la partenza dei boat-people.

E’ brutto a dirsi ma solo il rendere più “pericoloso”  l’imbarcarsi può fungere da deterrente contro questa invasione silente.

Difendere i confini è un dovere e non un diritto, alla faccia dei benpensanti non dobbiamo  essere complici di questo scempio ai danni del genere umano.

Fermiamo  i barconi ! (con ogni mezzo)

Annunci

Berlusconi è in ritardo.


di Alessio Papi

Non stiamo parlando di ritardi di ore o minuti, stiamo parlando di tempi relativamente brevi ma che in politica sono ere geologiche.salvini tempo

La “modernità” brucia i tempi, soprattutto in politica dove il localismo e il personalismo si deve confrontare con fenomeni più o meno globalizzanti.

Ne sono la dimostrazione le ascese dei due Matteo uno diventato da sindaco di Firenze Premier, l’altro miete successi e simpatie in fette sempre più consistenti di elettori di centro-destra.

La crisi e la crescente emergenza sociale hanno aumentato la sensibilità su determinate tematiche e il Matteo padano è divenuto per molti un nuovo punto di riferimento.

Salvini però a differenza di molti suoi predecessori, non si è affrettato a buttarsi su temi nuovi, ha semplicemente continuato a portare avanti le sue “battaglie storiche”, è uno dei pochi casi in cui non è la politica ad andare dal cittadino alla ricerca di un effimero consenso, ma bensì i cittadini che si sono avvicinati a posizioni che non più tardi di 4-5 anni fa venivano considerate blasfemia, e tutto sommato questa è la sua forza.

Berlusconi al contrario continua a muoversi su posizioni vetuste e impopolari, un po’ come Maria Antonietta ed il suo “Se non hanno più pane, che mangino brioche!».

Le ns. città sono ridotte a discariche a cielo aperto, con una criminalità ed una immigrazione sempre più sfacciate e prepotenti, con cittadini (a torto o ragione) esasperati e stanchi di non avere risposte da parte degli amministratori.

In questo quadro poco edificante si inserisce il consenso a Matteo Salvini, l’unico in grado di colmare nel centro-destra quella voglia di ordine, normalità e rispetto delle regole che una volta erano i cardini del pensiero della destra liberale.

Continuare a parlare dei propri problemi giudiziari cercando compassione o promettere taxi e pensioni ricche per i vecchietti in difficoltà non solo non serve a niente, ma è anche controproducente, genera indifferenza ed in alcuni casi ilarità.

Nel giro di pochi mesi i tatticismi come il “patto del Nazareno” o “Alfano ministro dell’interno” nel pensiero degli elettori sono stati declassati a “impicci privati” o “maldestri tentativi di sottogoverno” con la conseguente perdita di consenso e credibilità.

Anche il contesto globale non aiuta un Berlusconi troppo concentrato su se stesso non accorgersi di cosa gli accade intorno.

Parafrasando Ennio Doris “l’Italia non è più costruita intorno a te (Mr.B)”.

In Francia la Le Pen vola nei sondaggi, idem Farage in Inghilterra ,entrambi leader di movimenti che hanno molto in comune con la Lega, sono antieuropeisti, nazionalisti e regionalisti .

E’ chiaro come il problema non sia più solo italiano, la crisi e l’invasione dei confini hanno globalizzato le tematiche.

Il Silvio nazionale complice l’età è indietro anni luce rispetto alla “sua” Italia.

Il suo amico Putin ha una idea “diversa” dell’Europa e si appresta a diventare il Templare della Cristianità.

Ha già dato i soldi al Front National e ha regalato l’albero di Natale davanti Notre Dame.

Non mi sorprenderei se il prossimo a ricevere l’obolo fosse proprio Matteo Salvini…..

 

Meditate Gente Meditate……..

Caro Matteo ti scrivo.


matteo-pensadi Alessio Papi.

Caro Matteo ti scrivo, potrebbe cominciare così una lettera al neo Premier.

Tralasciamo per un attimo le vicissitudini che hanno portato all’incarico (ha ragione Berlusconi quando dice di essere stato l’ultimo Primo Ministro eletto), e puntiamo l’attenzione sul futuro di questo Governo.

Lo ammetto, in passato (vedere il blog) sono stato un detrattore del Renzi Nazionale, salvo poi aver capito alcune cose dalle quali comunque dipende il successo o il fallimento di Matteo come Leader.

Renzi mi ricorda per molti aspetti il miglior Silvio, col vantaggio di avere un differenza anagrafica considerevole.

L’attuale panorama politico frammentato in micro cosmi dove tutti sono all’opposizione dell’opposizione stessa (non esiste più una chiara geografia politica), impone talune riflessioni.

Non vi è più una contraddizione Destra-Sinistra, ma esiste un duello “anagrafico” tra becero conservatorismo e innovazione, tra modernismo e mantenimento dello Status Quo.

Il limite berlusconiano è stato quello di non aver portato nelle file del centro-destra ad un “rinnovamento generazionale” che non fosse puramente anagrafico, in altre parole a destra non potrà mai esserci (almeno alle condizioni attuali) un Matteo Renzi, perché in quell’area politica purtroppo anche i giovani sono “politicamente vecchi”.

Il nuovo Premier prima di scontrarsi con le questioni politiche dovrà decidere che strada seguire.

La via del rinnovamento passa necessariamente per la demolizione dell’ordine gerontocratico costituito (passatemi il termine un po’ forte), fatto di lobby, potentati economici, alti burocrati statali, e categorie che hanno come unico interesse il mantenimento dei diritti (privilegi) acquisiti a scapito della collettività.

I veri nemici di Renzi non sono nei partiti avversari, ma in quegli apparati politicamente trasversali che perseguono esclusivamente interessi di casta.

La via del successo (e del risanamento del Paese) passa per una rivoluzione soft, lo scardinamento e la demolizione di un sistema che sta collassando governato da dinosauri autoreferenziali e come tali destinati all’estinzione (almeno speriamo).

I grillini avevano promesso di rivoltare il paese come un pedalino ma si sono evidentemente persi le chiavette usb con le istruzioni….

Matteo devi fare lo stesso …. Ma con lo stile da bravo ragazzo che ti contraddistingue.

Segui la scia dei soldi.


L'oro di AN
L’oro di AN

di Alessio Papi

“Se vuoi sapere la verità segui la scia dei soldi” così Al Pacino nel film “The Insider”, ottimo consiglio per comprendere i futuri scenari .

Facciamo un passo indietro ed andiamo con ordine.

Era il 2009 quando AN si sciolse nel PDL e qualche vecchia volpe pensò di creare una fondazione nella quale far confluire l’immenso patrimonio del partito (anche per evitare di portarlo in dote al pdl) .

Patrimonio del quale non si saprà più nulla salvo per la casa di Montecarlo venduta a prezzo di saldo al “cognatino” di Gianfranco Fini (nel frattempo uscito dal Pdl), vicenda che oggi si fa “casualmente” finta di dimenticare.

Nel Marzo del 2012 alcuni militanti di La Destra occupano un appartamento ai parioli lascito della contessa Colleoni (la stessa della casa del Principato) nel quale successivamente Storace portò la sede del proprio partito, lasciandola comunque a disposizione di tutta una comunità.

E’ quantomeno sospetto che oggi “qualcuno” ne rivendichi in maniera così veemente la proprietà.

La questione più che patrimoniale oggi è politica.

E’ nell’aria l’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti (personalmente credo la giusta via sia quella della riduzione) pena la piazza con il forcone, il Pd vacilla sotto i colpi del martello renziano ed il governo Letta ha i mesi contati considerando che ad oggi non ne ha azzeccata una.

In un quadro politico destinato rapidamente a cambiare con situazioni impensabili fino a pochi anni fa gli ex AN rimasti nel Pdl sono in emergenza.

L’amletico dubbio è tra andarsene volontariamente o essere “accompagnati alla porta”.

La Russa nel 2009 dichiarava che “il Pdl non è la fine ma un nuovo inizio” infatti, oggi è tra i fondatori di Fratelli d’Italia movimento creato in laboratorio per garantirsi un sostegno nel ramo destro del Parlamento.

La rifondazione di Forza Italia da una parte servirà a spostare i “margheritini” magari con Enrico Letta candidato a premier, dall’altra renderà sempre più urgente un trasloco degli ex post-fascisti.

Non è un segreto, ma Berlusconi sa che esistono vecchie ruggini tra vecchi e nuovi “ospiti”, ed i “lettiani” hanno posto come condizione alla formazione del “nuovo centro” la fuoriuscita dei flammati, e in termini elettorali l’ago della bilancia pende a vantaggio dei centristi.

Se questa visione per molti apocalittica dovesse avverarsi, gli ex-An si ritroverebbero non solo senza un partito, ma anche senza casa o meglio, senza sedi e senza finanziamenti, è chiaro (almeno per loro) l’urgenza di mettere le mani sul patrimonio della Fondazione.

L’evolversi della situazione ci dirà dove andremo a Fini-re…. ci aspetta un autunno con colpi di scena e fuochi d’artificio.

Starà al mondo “di Destra” decidere se essere spettatori o attori di questo futuro molto prossimo .

Coloro che oggi cercano di fornire soluzioni sono gli stessi soggetti che questo stato delle cose lo hanno creato….  ma si sa i soldi troppo spesso mettono tutti d’accordo.

Posso dire che Renzi non mi piace ?


Renzi non mi piace
Renzi non mi piace

di Alessio Papi

 

Tanto per cambiare voglio essere controcorrente, lo dico apertamente, a me Matteo Renzi non piace.

Ma come diranno i puritani del benpensantismo, ma come fai a dire una cosa del genere ?

E’ come dubitare delle abilità culinarie di Nonna Papera !!!

Anzitutto faccio una premessa, se sfascia il Pd sono contento …  ma si dai almeno qualche dinosauro può darne a lui la colpa, evitando di dover parlare di auto implosione, ma le considerazioni sono altre.

Ho assistito al comizio di Renzi a Roma, e francamente l’ho trovato l’ennesima replica dei numerosi  interventi fatti in giro per l’Italia, una sorta di rappresentazione teatrale comica, dove “l’artista” segue un canovaccio che adatta alla platea, un attore che recita su un soggetto non suo.

L’impressione è quella di una “eterodirezione”, il ventriloquio di qualche “gran cerimoniere”, un “ lo dico perché mi pagano  ma non ci credo”.

Ci sono poi alcune marchiane  stonature, va bene che chi si candida a leader di partito debba incontrare le “realtà imprenditoriali”, ma correttezza e galateo politico prevedono che lo si faccia attraverso le “organizzazioni ufficiali” ovvero confindustria,  lega coop, asso impresa, coldiretti, amici della patata di Avezzano e via dicendo, e non con una cena dove sono presenti esclusivamente inquietanti personaggi dell’alta finanza.

Si dice che uno dei grandi spin-doctor del rubicondo Renzi , sia Giorgio Gori, ex produttore di tanti reality trash (soprattutto Mediaset) e di programmi non proprio intellettuali, allievo di Freccero e (pare) sponsorizzato da Maurizio Costanzo, il quale non mi risulta abbia mai rinnegato la propria iscrizione alla loggia P2 di Licio Gelli, la stessa del Cav. Berlusconi .

 Strane coincidenze ? forse , ma il Renzi vanta un numero di trasferte negli Stati Uniti seconde soltanto a quelle di Di Pietro prima di tangentopoli …. sarò uno che pensa male …..

Certo allo stato attuale delle cose è destinato a vincere, perché il suo bel faccino è (almeno per ora) più spendibile delle sinistre cariatidi e (guarda caso) i media lo pompano a manetta, ma un dubbio mi sovviene, non è che la purga è peggio della malattia ?

La stampa e le televisioni (di tutti i colori politici) sono in mano agli stessi che ci governano, cambiano le facce ma dietro le quinte ci sono sempre gli stessi, una operazione di lifting, volta a mantenere lo status quo.

In giro ci sempre gli stessi direttori di testata, gli stessi giornalisti, parenti di qualcuno o sponsorizzati , eppure solo ora si accorgono degli scandali della politica propinandoci lo spot del “nuovo che avanza”.

Quando vedo troppo marketing nel lancio di un prodotto , per principio diffido sulle qualità reali….. Renzi non mi piace.

I Maggio per molti ma non per tutti.


I Maggio
I Maggio per molti ma non per tutti.

di Alessio Papi

 

Questo Primo Maggio oltre ad aver messo a dura prova la pazienza dei romani sta mettendo a dura prova un po’ tutti.

Meravigliosi i momenti dedicati dedicato a Papa Giovanni Paolo II, un grande evento mediatico e religioso, riuscito al meglio, ferito (in parte) dalla banalità e dall’ignoranza dei (presunti) intellettuali di sinistra.

Qualcuno potrebbe spiegami (magari proprio su questo Blog) cosa ha spinto Ascanio Celestini a declamare versi anti-papisti (mascherati da citazione storica), nel giorno della Beatificazione di un grande Papa (che ha come unica colpa quella di aver fatto crollare il muro di Berlino).

La più grossa stonatura in questo giorno è stata un’altra (malgrado le mie convinzioni religiose).

A scanso di equivoci premetto che lo scrivente è un iscritto e un militante della Cisl, e quindi chi intende proseguire nella lettura è avvertito.

Il mio segretario mi ha insegnato una cosa fondamentale nel “fare sindacato”.

Distinguere tra “politica e sindacato” è fondamenale, anche se è una delle cose più difficile da fare.

La piazza di San Giovanni mi pare che anche in questa occasione non lo abbia capito.

Perchè cantare “Bella Ciao” nella giornata dei lavoratori non lo capisco, e già so che farò fatica a spiegarlo domani ai miei colleghi (di tutti i pensieri politici).

Mi sembra uno stupido mezzo (anzi un mezzuncolo) per cercare di spostare verso un colore politico una manifestazione che dovrebbe essere dei lavoratori a prescindere dalla convinzione politica.

Ha ragione il sindaco di Firenze Renzi quando dice che il sindacato non riesce “a parlare ai giovani” ma sbaglia sui perchè.

Il problema è che il Sindacato (con la S maiuscola) dovrebbe parlare più ai lavoratori delle loro problematiche e riuscire a dialogare con i governi a prescindere dal partito del Premier.

Purtroppo questo alcune sigle non lo capiscono o forse, (peggio ancora) non lo vogliono (colposamente) capire.

Barattano l’azione sindacale con una presunta “identità politica” che danneggia solo loro stessi.

Perdono iscritti perchè i lavoratori sono (per fortuna) più svegli di quanto loro credono che lo siano.

Hanno perso una buona occasione per un I Maggio che è stato per molti ma non per tutti.