Si Salvi-ni chi può


C.destra: Salvini, o insieme ora o Lega va da sola

di Alessio Papi

Sarkozy arrestato per finanziamento illecito da parte della Libia di Gheddafi.

Prima si fa “dare la stecca”, poi lo fa assassinare cercando di mettere le mani sui pozzi di petrolio  garantendosi il silenzio di un “ex-amico” diventato scomodo ma che garantiva a noi italiani di non essere invasi da una immigrazione selvaggia.

Gentiloni cede pezzi pregiati di “mare nostrum” alla Francia, non si è capito in base a quale vantaggioso accordo.

La rappresentanza europea italiana in Europa è a maggioranza PD (ricordate il boom al 40% delle ultime elezioni ), e i “nostri” cari e costosissimi eurodeputati continuano a far vessare il nostro paese.

In Italia c’è un problema politico che ha un nome e cognome, si chiama Partito Democratico (che poi tanto democratico non è) in tutte le sue declinazioni, in primis quella del “renzismo”, soggetti anonimi senza arte ne  parte, venduti a poteri sovrannazionali ai danni del Belpaese in cambio di pochi spiccioli.

I grillini sono un’ incognita, ad oggi dietro tante belle parole si nasconde il vuoto cosmico, ma almeno (ufficialmente) non hanno avuto incarichi di rilievo nei governi nazionali.

Forza Italia dopo il fallito tentativo di accordo col PD è allo sbando, il suo leader (anche per questioni anagrafiche) è incapace di riacquisire lo smalto del passato, i notabili del partito si agitano come i topi nelle stive delle navi quando queste stanno per affondare.

Fratelli d’Italia non pervenuto.

In quadro politico di per se desolante vi è un’unica certezza, quella di poter definitivamente archiviare il renzismo e più in generale rendere il PD un brutto ricordo da consegnare alle cronache.

Può non sembrare immediatamente evidente ma, un governo di scopo (2-3 anni max) Lega – Movimento 5 Stelle conviene tanto a Salvini quanto agli improvvisati pentastellati.

Da una parte Salvini ha il potere di affermare tangibilmente la sua leadership sul centro  centro-destra dimostrando di essere non solo un ottimo leader di opposizione ma anche un ottimo stratega , dall’altro i 5 Stelle possono  mettere in pratica i loro cavalli di battaglia, aumentando il loro consenso soprattutto tra i delusi della sinistra post-ideologica.

Paradossalmente Salvini è al contempo stesso conservatore e rottamatore.

Conservatore perché sta utilizzato metodi da “prima repubblica”, il nemico del mio nemico è il mio migliore amico, rottamatore perché probabilmente sta cambiando definitivamente il quadro politico italiano.

E’ presto per trarre delle conclusioni…

Per adesso si Salvi-ni chi può!

Annunci

Non prendeteci per le natiche.


di Alessio Papi

 Il termine sarebbe dovuto essere un altro ma ho preferito usare un approccio “light”.

I giornali di oggi riportano trionfanti le congratulazioni di Napolitano & soci (Pd-Pdl) per l’elezione di Hollande alle presidenziali francesi.

La cosa mi innervosisce alquanto, si …. mi sento preso per le natiche.

Andiamo con ordine.

Napolitano (il nostro “caro Presidente”), è colui che prima ha nominato senatore a vita il sig. Monti, poi lo ha fatto diventare premier con la benedizione di Pd e Pdl.

Il “Professore”  è la peggior espressione di questa idea di Europa tecnocratica e sanguisuga. 

Le elezioni che si sono tenute  hanno dimostrato come i francesi stessi fossero stufi dell’asse europeo  Parigi-Berlino, in Grecia hanno vinto estrema destra ed estrema sinistra accomunati da un marcata matrice anti Bce.

Con quale faccia (mi devo morsicare la lingua) costoro si complimentano con chi rappresenta l’esatto opposto (nel bene e nel male) di colui (e coloro) che hanno creato, e che è  l’espressione  massima di un’idea sbagliata di europa, uno che non spende neanche una parola per coloro che si suicidano vittime della crisi.

Se da cittadino sperassi in un atto magnanimo di onestà e di dignità auspicando  di vedere le dimissioni in blocco di questo parlamento mi prenderei per le natiche da solo … 

 …. Siete pregati di non farlo nenche voi !

La Forza delle Idee


 

Mer-kozy

Di Alessio Papi

 

Fin da piccolo mi ha sempre accompagnato la convinzione che   “se un uomo non è pronto a morire per le sue Idee o non vale niente come uomo o non valgono niente le sue idee”, e di conseguenza ho sempre rifiutato ogni concessione al relativismo rifiutando il concetto molto “funzionalista” di Homo oeconomicus .

Quello che ad oggi è successo ad oggi dalle dimissioni di Berlusconi mi mette una tristezza tremenda, ma ancora di più mi mettono tristezza quei personaggi squallidi che si  fanno chiamare deputati e senatori, ridotti a squallide marionette che votano tanto a destra quanto a sinistra in maniera univoca.

Andiamo con ordine.

Poco prima delle dimissioni dell’ex Presidente del Consiglio (piaccia o non piaccia comunque eletto democraticamente)  il Presidente Napolitano (l’ex-comunista che applaudiva all’invasione russa dell’Ungheria) nomina un ex-dipendente di Goldman-Sachs (una delle banche che ha speculato di più sulla moneta unica ) il Prof. Mario Monti senatore a vita, il quale successivamente viene nominato (e non eletto democraticamente) nuovo Presidente del consiglio con l’incarico di formare il nuovo governo.

Il Sig. Monti forma il nuovo governo attingendo dal gotha (si fa per dire) dei suoi ex compagni di banco (tutti ultra settantenni) ed ex colleghi della Goldman-Sachs e della Bocconi (se fossi un docente della Sapienza o della Statale mi incazzerei come un caimano).

Fin qui potrebbe andare tutto bene (senza tirare in ballo compassi, squadre e grembiulini), perchè comunque   un governo deve ottenere la fiducia del parlamento, ma i nostri scienziati di onorevoli che fanno ? Ad eccezione della Lega Votano la fiducia bi – partisan ….ma cosa ancora più grave si nascondono dietro “un atto di responsabilità per salvare l’euro” !

Ricordo di aver trascorso (evidentemente perdendo tempo) molte notti su libri che spiegavano come destra e sinistra erano accomunate dal rifiuto  dell’uomo assoggettato all’economia, da prospettive diverse entrambi gli schieramenti erano concordi nel dover assoggettare l’economia in funzione dell’uomo (o dell’individuo) e non viceversa.

Tutta l’Europa (purtroppo quella dei burocrati miliardari e non quella sognata da  Brasillach )  è tenuta in scacco da un nano ed una culona provenienti da paesi che la storia ha già giudicato come inaffidabili, e che stanno cercando di nascondere le loro grane finanziarie scaricando le responsabilità sugli  altri.

Questa Europa è morta perché è stata una moneta prima che una Nazione, perché siamo governati da politici morti perché senza idee e senza dignità, schiavi di chi ha in mano le leve finanziarie del mondo.

Ha detto bene in campagna elettorale il popolare Rajoy “La forza delle idee è quella che ci farà vincere” ….

……………. In Spagna ha vinto il Centro – Destra…..